Fantasticare sui prossimi viaggi è uno dei miei passatempi preferiti. Ma mi piace anche raccontare di viaggi che ho già fatto, dare indicazioni utili a chi è in partenza, far sognare nuove mete a chi è in cerca di ispirazione…
E navigare tra ricordi di viaggio vicini e lontani è sempre un piacere, per questo accolgo con gioia l’invito di Il Tu Posto nel Mondo e di La Valigia di Cassandra a raccontarvi i miei #PostiChe.

L’ideatore di questo “album dei ricordi” è Neogrigio, al quale vanno i miei complimenti per la bella iniziativa.

Iniziamo allora questo viaggio tra i miei #PostiChe…

Il Posto….

– Che porti nel cuore:

Bhe, ovviamente il mio Giappone. Una terra magnifica, ricca di natura, storia e tradizioni. Ma anche moderna e futuristica. Un luogo dove mi sento bene, dove sono a mio agio e dove tornerei all’infinito. E dove prima o poi spero di rimanere…

Nel cuore non porto solo i bellissimi paesaggi, ma anche le persone. I tanti incontri fatti, le tante esperienze vissute e quegli incontri di pochi attimi che ti cambiano la giornata in meglio….

Senso-ji Asakusa Tokyo, Giappone, blog giappone

 

– Più divertente:

Se penso al divertimento penso subito ad un parco divertimenti! A Disneyland, dove son stata due volte, a Gardaland, dove vado una volta all’anno, ma soprattutto penso a Mirabilandia, sicuramente il mio parco preferito per le attrazioni che offre (dopo 3 giri consecutivi di Katun però un po’ la testa gira anche a me eh..), ma anche per l’avventura divertente dell’ultima volta…..quando io e mia sorella (troppo squattrinate per dormire in hotel, ma non molto adatte alla vita in tenda) abbiamo dormito in macchina, nella piazzola di un campeggio. Con tanto di materasso nel baule e sedili posteriori, riso freddo e frittata per cena e piatto di citronella antizanzare. E quella notte c’è pure stato un mega temporale.
Ecco, io sto ancora ridendo a distanza di anni!

mirabilandia, entrata mirabilandia, travelblog

 

– Più commovente:

Durante il mio secondo viaggio in Giappone ho fatto tappa anche ad Hiroshima. Prima di partire leggevo molti itinerari dove la mattina si visita la città ed il pomeriggio ci si sposta all’Isola di Miyajima. Fortunatamente avevo molto tempo a disposizione e sono riuscita a organizzare un giorno intero a Miyajima e visitare Hiroshima il giorno seguente.
Dopo la visita al Peace Memorial Park e al Museo della Pace non ero certo nelle condizioni migliori per visitare altro. Per fortuna poi ho avuto 3 ore di treno per rimanere in silenzio con i miei pensieri. Ancora adesso provo un senso di vuoto dentro di me e non mi è semplice scrivere di questo posto. Tutti sappiamo cos’è succeso il 6 Agosto 1945 in questa città e conosciamo le conseguenze della bomba atomica. Ma essere lì, nel punto esatto dove tutto è successo, alzare gli occhi al cielo ed immaginarsi quella enorme palla esplodere e spazzare via tutto, fa davvero venire i brividi. Rende tutto così reale, non è più solo una storia studiata su un banco di scuola, è qualcosa che è successo davvero. Qualcosa che non deve ripetersi mai più.

Hiroshima, peace memorial park hiroshima, parco della pace, adome, giappone, bomba atomica

 

– Più deludente:

Sarò forse una voce fuori dal coro, ma Parigi mi ha delusa. E’ vero, forse l’ho visitata in fretta e in poco tempo, forse avevo aspettative altissime sentendola decantata da così tante persone, raccontata in così tanti film, letta in così tanti libri…forse ero io ad aspettarmi un posto quasi magico, estremamente romantico…ed invece sì, carina, leggera da visitare, piacevole camminare tra le sue vie, molto verde, ma una città gradevole, come altre che ho visto. Nulla di così eccezionale, ed è per questo che la metto come deludente.

Parigi, torre eiffel

– Più sorprendente:

Ero partita senza grandi aspettative, ed invece San Pietroburgo mi ha rubato il cuore. E’ stata una vera e propria scoperta e ci voglio assolutamente tornare in autunno, per vedere i suoi bellissimi giardini cambiare colore.
La porta russa sull’Occidente, la città degli Zar, ma anchela città che ha dato il via alla Rivoluzione di Ottobre….della città non ho apprezzato solo le tantissime cose da fare, ma anche la sua storia che ho avuto modo di conoscere ed approfondire grazie agli ottimi servizi di audioguide in italiano.

San Pietroburgo, canali san pietroburgo, salvatore sul sangue versato

– Più gustoso:

Sarà che sono appena tornata ed ancora sento in bocca il delizioso sapore della cioccolata con porras (a mio parere assolutamente meglio dei più famosi churros), delle tapas e del tinto de verano, ma ho assolutamente adorato mangiare a Madrid. E’ una città ricca di sapori ad un prezzo piccolissimo…si trovano tantissime specialità spagnole, e i boccadillos de calamares sono un qualcosa di veramente meraviglioso!
E prometto di parlarvi presto di dove e cosa mangiare nella capitale spagnola!

porras e cioccolata, madrid, cioccolata madrid, spagna

– Che ti ha lasciato un ricordo particolare:

Lo Stadio Flaminio di Roma. La prima partita del 6 Nazioni di Rugby alla quale ho assistito dal vivo.Il 27 Febbraio 2010. Un’emozione incredibile essere lì insieme a tutti quei tifosi colorati ed allegri, a festeggiare prima e dopo il match insieme agli scozzesi, perchè nel rugby si festeggia sempre tutti insieme, indipendentemente dal risultato sul campo.
Da diversi anno ormai il Flaminio è abbandonato a se stesso e il Sei Nazioni si svolge all’Olimpico, ma io continuo a preferire l’atmosfera più raccolta e calda di quel Flaminio di quell’Italia-Scozia vinto dall’Italia con la meta di Canavosio al 64′ che a momenti mi fa cadere dagli spalti mentre salto per festeggiare!
Sei nazioni, italrugby, italia vs scozia, rugby, flaminio, roma, italia rugby

– Più romantico:

Venezia senza alcun dubbio. Ci torno ogni volta che posso, è una città magica, davvero unica al mondo. E’ indubbiamente una città esteticamente bella, con la sua Piazza San Marco, il Palazzo Ducale, il Ponte di Rialto,…è la città senza auto, la città delle gondole che scivolano lente tra i canali. E’ la città delle vie strette e dei 1000 ponti.
E’ una città che al calar della sera, quando i turisti se ne vanno o si rintanano in rostoranti ed hotel, viene avvolta da un manto di mistero, con leggera nebbiolina che si alza dal mare e i lampioni sempre soffusi…è una città che ti regala emozioni e bellezza e non c’è luogo migliore da vivere insieme a chi si ama…

gondola, venezia canale, canale con gondola, venezia romantica

 

– Che vorresti rivedere:

5 anni fa il mio primo incontro con l’Africa. L’Africa nera intendo, quella che ti entra nel cuore, nello stomaco, negli occhi. Ed è stato in Kenya. E’ stata l’agitato mare di Mambrui, la sabbia bianchissima di Watamu, la libertà della Savana, il sorriso delle persone, le storie di vita di Massimo, la nostra guida diventata poi un amico prezioso. In Africa ci sono tronata ancora, ma non era il Kenya. Ho vissuto altre emozioni, ma non erano le stesse, non erano così forti. Io il Kenya lo voglio rivedere, e soprattutto lo voglio rivedere adesso, ora che stanno cercando di rovinarlo con il terrore. Io voglio rivedere quel calore e quei sorrisi che ho visto 5 anni fa. Perchè sono loro che mi hanno fatto capire quanto è bella la vita, tutto sta nel modo in cui la vivi.

safari, safari tsavo est, kenya, safari kenya, elefanti, alefanti safari, elefanti liberi

 

– Dove ti piacerebbe andare:

Beh, dei miei sogni di viaggio ve ne ho parlato nei #Traveldreams2016 dei quali fino ad ora ho realizzato solo i castelli della Valle d’Aosta. Quindi direi che tutte le altre destinazioni sono i posti dove mi piacerebbe andare.
Se devo sceglierne uno solo, al momento direi Budapest. E’ una città che giorno dopo giorni mi chiama sempre di più, è una città così vicina, ma che voglio visitare con calma, non voglio dedicarle solo un frettoloso weekend. Giusto ieri stavo nuovamente controllando voli e calendari alla ricerca della combinazione perfetta….non posso rimandare ancora!!

Ma ora tocca a voi! Già, il regolamento prevede la nomina di 10 blogger, che a loto volta dovranno raccontare i loro #Postiche, e così io ho deciso di scoprire i luoghi di:

Mangia Viaggia Ama
Mondovagando
Wainomi Travel Blog
Pimp My Trip
– I Viaggi di Monique
RecYourTrip
Viaggi dei Mesupi
Travel Upside Down
Due In Giro
Gattosandro Viaggiatore

Bene, ora cari ragazzi non dovrete fare altro che scrivere il vostro post rispettando alcune regole:

  • Citare l’ideatore del tag
  • Ringraziare il blog che vi ha nominato
  • Riportare la foto del tag
  • Raccontare i vostri #PostiChe
  • Aggiungere il tag #PostiChe
  • Nominare altri 10 blog amici
  • Inoltrare le vostre risposte all’ideatore del tag.
Ed ora..scatenatevi!