Dove dormire a El Nido

Dove dormire a El Nido, zone consigliate ed un’esperienza insolita

El Nido è uno dei luoghi più belli del mondo ed è impensabile fare un viaggio nelle Filippine senza trascorrere almeno un paio di notti qui.
Nel mio itinerario di una settimana a Palawan ho trascorso a El Nido ben 4 notti, di cui 3 nella zona “classica” ed una sull’isola di Darocotan, dormendo in un bungalow sulla spiaggia in un’esperienza unica dove vivere al massimo la stupenda natura di questo angolo di mondo.

El Nido si trova all’estremità nord dell’Isola di Palawan, l’isola che è considerata la più bella del mondo, nel lato occidentale delle Filippine.
Scure pareti rocciose che emergono da una vegetazione verdissima, per tuffarsi in acque cristalline dai fondali ricchissimi e spiagge paradisiache, El Nido è stato a lungo un paradiso incontaminato, ma è ormai stato raggiunto dal turismo di massa che ha portato ad uno svulippo non proprio sostenibile della piccola cittadina filippina.

Sulla terraferma, ristoranti, negozi e alloggi si accavallano tra i vicoli polverosi infestati dall’onnipresente ronzio dei tricycle, mentre la spiaggia antistante El Nido town è inquinata dalle barche e dagli scarichi della città…..ma a El Nido si va per tutto quello che c’è intorno, nell’arcipelago di Bacuit e le spettacolari isole che lo compongono

Dove dormire a El Nido. Country Inn Bay View

Dove Dormire a El Nido

Dei tour in barca e di cosa vedere a El Nido, ve ne parlerò presto in un post dedicato, per ora mi voglio focalizzare sui consigli su dove alloggiare a El Nido, perchè a seconda dei vostri interessi e stile di viaggio, cambiano le zone consigliate. 
Sebbene le Filippine siano un paese generalmente economico, i prezzi ad El Nido lievitano vertigionosamente e spesso, soprattutto per quanto riguarda le sistemazioni, il rapporto qualità/prezzo non è dei migliori. Ma d’altronde c’è da aspettarselo: l’avvento del turismo di massa porta spesso conseguenze non proprio positive….

Tuttavia El Nido è una tappa veramente imperdibile e la scelta di alloggi è estremamente variegata, con sostemazioni che vanno da guesthouse super economiche a resort extra-lusso. Tenete comunque sempre presente che siete in uno dei paesi più poveri dell’Asia, in cui è sempre consigliato anche lavarsi i denti con acqua in bottiglia (spesso gli additivi aggiunti per uccidere i parassiti sono altrettanto pericolosi) e dove cose come l’aria condizionata e un wifi funzionante sono spesso dei lussi che non sono offerti di base, soprattutto se viaggiate al risparmio. Personalmente, considerando che andrebbero dedicate a questa località almeno 3 notti, consiglio di non scegliere una sistemazione troppo economica per evitare di rovinarsi la vacanza dormendo senza un minimo di comfort…

So che molti viaggiatori preferiscono prenotare solamente la prima notte per poi cercare un alloggio direttamente sul posto. Ecco, io ho viaggiato in bassa stagione (all’inizio della stagione secca) e due ragazze che ho incontrato in una delle escursioni in barca mi hanno raccontato di aver faticato a trovare alloggi sul posto e si son trovate a dover cambiare alloggio ogni sera…per assicurarvi una buona sistemazione, vi consiglio di muovervi per tempo.

El Nido town - dove dormire

El Nido Town

El Nido town è il punto da dove partono i tour in barca e dove partono/arrivano i van condivisi per le altre destinazioni sull’isola di Palawan. E’ il fulcro della vivacità locale, con negozi, bar e locali dove si concentre la maggior parte della movida e della night life. E’ caotica, chiassosa e con il costante ronzio dei tricycle. Qui si trovano la maggior parte degli ostelli e sistemazioni a basso costo, e grazie alle numerose possibilità di svago raggiungibili a piedi, è l’ideale se si viaggia in un peridodo a rischio piogge, così da aver qualcosa da fare qualora le escursioni in barca venissero cancellate per maltempo.

Non essendo io un amante del chaos e della vita notturna, non ho approfondito la ricerca di una sistemazione ad El Nido Town, ed ho seguito i consigli di altri blog in cui si preferiva soggiornare nella zona di Corong Corong. 
Onestamente, arrivando a fine giornata esausta da tutto quel nuotare nelle acque cristalline, ed essendo che il sole tramontava presto, non mi sarebbe dispiaciuto alloggiare qui, così da riuscire a farmi una doccia veloce e uscire poi a cena trovando un’ampia scelta di opzioni per poi crollare a letto presto….credo che se tornassi a El Nido, valuterei le opzioni in centro con maggior attenzione.

Booking.com

Spiaggia di Corong Corong

La spiaggia di Corong Corong si trova a circa 30 minuti a piedi, o 10 minuti e 100 pesos di tricycle da El Nido Town, e a differenza di quest’ultima dove il sole tramonta dietro all’alto faraglione roccioso, qui si può assistere al tramonto sul mare. O almeno si dovrebbe…nel mio caso, la sera il cielo si è sempre rannuvolaoto, pronto per la scrica di pioggia notturna, e di fatto non ho mai visto un tramonto decente in tutto il mio viaggio nelle Filippine…

Qui la spiagga è molto più tranquilla e potete noleggiare un kayak per esplorare le vicine spiagge che si nascondono nel promontorio che divide Corong Corong da El Nido Town. Ci sono anche qui diversi alloggi e ristoranti, ma l’atmosfera è molto più tranquilla e sofisticata, con molti hotel e guesthouse affacciati sulla spiaggia, come il Panari Lodge che ho trovato spesso consigliato.

Noi eravamo però alla ricerca di un alloggio che avesse la doccia separata (nelle Filippine molto spesso il bagno è un “ambiente unico” e facendo la doccia si bagna tutto il bagno) abbiamo optato per il Country Inn Bay View Resort, più distante dal mare ed in posizione rialzata, dove abbiamo trascorso 3 notti e ci siamo trovati divinamente.
Personale super gentile che chi ha organizzato tutte le escursioni, offrendoci il tricycle di andata ed aiutandoci ad organizzare la giornata con tricycle privato per Nacpan beach. Colazione buonissima a scelta tra diverse opzioni filippine e internazionali, servizio di lavanderia velocissimo e possibilità di acquistare acqua in bottiglia ad un prezzo di molto inferiore ai vari baretti a El Nido.
La stanza poi super spaziosa e pulita, con aria condizionata e wifi perfettamente funzionanti. Una sistemazione di livello ad un ottimo prezzo, anche se posizione non proprio centrale.

SPiaggi di Corong Corong- dove dormire

Esperienza insolita a El Nido: Dormire su un isola 

Per chi è alla ricerca di un posto particolare dove dormire a El Nido, ci sono anche diversi resort sulle isole della baia di Baicut, ma i prezzi generalmente non sono proprio alla portata di tutte le tasche. Spostandosi però sulla costa orientale, a circa 50 minuti da El Nido Town, si può vivere un’esperienza unica sulla piccola isola Darocotan, lontani dal caos e dormendo in bungalow sulla spiaggia! 

Su quest’isola ci sono 3 sistemazioni, di diverso livello:

Bice Camp Darocotan: con semplici casette sulla spiaggia, molto spartano e perfetto per i backpackers e per chi ha un piccolo budget

Isla – The Experience: con bungalow rialzati affacciati sul mare e molte attività perfette per socializzare, budget medio

Dryft: un eco-resort/glamping con capanne e tende climatizzate ad un prezzo decisamente più importante.

Noi abbiamo scelto di alloggiare per una notte a Isla ed è stata un’esperienza veramente unica ed indimenticabile sulla quale voglio spendere due parole in più.

Dormire su un isola - El Nido

Isla Experience – l’esperienza unica di dormire in un bungalow in spiaggia

Appena ho visto su Instagram le immagini di questo posto, ho deciso di andarci. Palafitte-bungalow di legno e paglia sulla spiaggia, affacciati su un mare di un azzurro intenso e cristallino, su una piccola isola lontana dal turismo di massa…..
E poi un relitto sommerso dove fare snorkeling, i maialini che gironzolano per la spiagga, i falò serali chiacchierando con i viaggiatori da tutto il mondo….insomma Isla Experience è una rappresentazione perfetta di quelle island vibes che ci fanno sognare!

Abbiamo trascorso una sola notte qui e tutti erano piuttosto sorpresi della brevità del soggiorno….ma devo dire che per noi una notte è stata l’ideale. Tenete presente che si tratta comunque di una eco-struttura, con comfort limitati, bagni in comune e su una piccola isola, dove possono esserci black-out e assenza di acqua corrente (noi non siamo riusciti a farci la doccia perchè sia la sera che la mattina prima di ripartire, non c’era acqua). Per quanto lo si metta in conto viaggiando in alcuni paesi, non è sempre facile adattarsi per un periodo più lungo.

Questa eco struttura non offre solo un’esperienza indimenticabile agli ospiti, ma contribuisce anche ad un progetti di scolarizzazione degli abitanti del piccolo villaggio sull’isola: contributi nelle le spese dei piccoli studenti per raggiungere la scuola sull’isola principale, corsi di alfabetizzazione per gli adulti grazie ad insegnanti che una volta a settimana raggiungono l’isola e l’importante progetto di costruzione di una scuola locale.

La sostenibilità di Isla non si limita solo al supporto della popolazione locale, ma c’è anche una grande attenzione all’ambiente circostante: l’uso di energia elettrica viene limitato il più possibile, tanto che dalle 22:00 viene tolta la corrente fino alla mattina successiva, quando i pannelli solari ricominciano ad imagazzinare scorte. Naturalmente non ci sono condizionatori nei bungalow, ma i ventilatori con accumulo di batteria sono più che sufficienti…naturalmente sperando che la carica non finisca durante la notte come è succeso ad altri ospiti…..

Sull’isola Darocotan ci si arriva in 10 minuti di barca (gratuita) da Teneguiban e gli orari di partenza delle barche sono fissi, li trovate direttamente sul sito della struttura che potete anche contattare per organizzare il trasporto in van condiviso da El Nido (shared van 650 pesos a persona, taxi privato 1500 pesos totali). 

Arrivati ad Isla verrete accolti da un bicchiere di succo di mango e dal sorriso del personale che vi spiegherà il funzionamento della struttura, con le attività e gli orari dei pasti (da pagare a parte in contanti), prima di accompoagnarvi nel vostro bungalow sulla spiaggia….

I bungalow sono tipo palafitte, si entra dalle scale sul retro, si attraversa la piccola stanza con un letto riparato dalla zanzariera e ci si affaccia alla terrazza vista paradiso: sabbia bianca ed acqua cristallina di fronte a voi, senza finestre o altri ostacoli tra voi e la bellezza della natura.
La notte, il cielo stellato sopra di voi e il rumore delle onde che vi cullano…..

Isla è anche un punto di incontro, in cui socializzare con altri viaggiatori, cenando tutti insieme ad un unico tavolo dove viene servita la cena buffet di piatti locali per meno di 500 pesos. 
Le occasioni di socializzare poi ci sono anche durante le varie attività organizzate da Isla, come la gita a vedere il tramonto, partite di beach volley, fuoco serale con karaoke e il “Pigs out”, quando i maialini della struttura vengono fatti uscire dal recinto e sguazzare nell’acqua del mare!

Purtroppo quandi ci siamo stati noi, molti delle attività programmate non sono in realtà state fatte…probabilmente perchè tutti gli ospiti erano lì da più giorni e avrebbero dato il cambio ad altri nuovi viaggiatori il giorno successivo e ci è un po’ sembrato che non valesse la pena fare le attività solo per noi che saremmo stati solo quel giorno…un po’ mi ha rovinato la poesia, lo ammetto.

A Isla è  anche possibile usare gratuitamente maschere e boccaglio e raggiungere il relitto sommerso che si trova a breve distanza…ma noi lo abbiamo trovato sempre affollato di gente che arrivava con escursioni in barca e lo affollava…e non siamo riusciti a fare uno snorkeling decente attorno a quello…poco male, nei dintorni i fondali sono altrettanto ricchi, con moltissime stelle marine anche!

Pernottare ad Isla the Experience è un po’ più costoso rispetto alle sistemazioni normali, ma è comunque un prezzo accessibile: abbiamo pagato circa 85€ a notte senza pasti. Forse un po’ eccessivo considerando il fatto che i bagni erano in comune e non siamo nemmeno riusciti a farci la doccia per mancanza di acqua….tuttavia per una notte è un’esperienza che mi sento di consigliare, soprattutto per la bellezza del posto e l’emozioe di dormire in un bungalow sulla spiaggia su una piccola isola!

Se scegliete di fare anche voi questa esperienza, mi raccomando, partite preparati mettendo in conto eventuali black-out di corrente, wifi e acqua e portatevi tantissimo repellente anti insetti e zanzare: vi servirà…..
E preparatevi anche a portare con voi un ricordo unico di questa esperienza decisamente insolita! 

El Nido è più di una destinazione turistica; è un viaggio nell’incanto. Scegliere dove dormire è parte dell’avventura, e tra le vie animate di El Nido town, la tranquillità di Corong Corong e l’atmosfera magica dei bungalow sulla spiaggia, c’è un rifugio perfetto per ogni viaggiatore…

Dove dormire a El Nido

Ti è piaciuto l’articolo e lo hai trovato utile? Offrimi un caffè!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *