Hakone è una delle escursioni da Tokyo più consigliate ed amate anche dai Giapponesi. Facilmente raggiungibile da Tokyo, ricca di musei e bellezze naturali, inclusa la vista (seppur non così scontata) del Monte Fuji e località termale, è una destinazione che solitamente viene inserita nell’itinerario in Giappone, sia come escursione giornaliera da Tokyo, sia come tappa di due giorni pernottando in un Ryokan.

Sì, Hakone è turistica. I prezzi sono un po’ più alti della media e è abbastanza affollata. Ma ne vale la pena.
Ci sono stata due volte, la prima nel 2014 in giornata da Tokyo durante il mio secondo viaggio in Giappone, la seconda lo scorso weekend, durante la stagione delle piogge, per realizzare uno dei miei “sogni giapponesi”: salire sull’Ajisai Densha, il treno delle ortensie. Purtroppo, il cambiamento climatico che sta portando ad estati sempre più calde, ha fatto anticipare di parecchio la fioritura delle ortensie che a inizio Luglio, anzichè essere nel pieno della fioritura (o ancora indietro in alcune aree), stavano già “bruciando” e così non ho potuto ammirare al suo massimo splendore il percorso che il piccolo treno della linea Hakone Tozan fa su per la montagna circondato da questi batuffoli floreali, peccato….

Ci sono tantissime cose da fare e da vedere ad Hakone, dall’arte al trekking, dal relax neglio onsen allo shopping nella vicina Gotemba. Attività per i bambini, ma anche una fuga ideale per le coppie e gruppi di amici, con molti ryokan e guesthouse, il che la rende una destinazione perfetta proprio per tutti i tipi di viaggiatori.
Distando poi solo un paio d’ore da Tokyo e grazie al conveniente Hakone Freepass della Odakyu Line, viene spesso scelta come meta per una fuga nel weekend ed è facile trovarla piuttosto affollta. Io ho avuto fortuna entrambe le volte, vi consiglierei tuttavia di evitare il weekend se possibile, anche perchè pernottare ad Hakone in settimana costa molto meno rispetto al weekend!

Cosa vedere ad Hakone – Itinerario di una giornata

Se avete in programma di visitare Hakone in giornata da Tokyo, vi conviene scegliere di pernottare vicino alla Stazione di Shinjuku, da dove partono i treni della Odakyu Line, ottimizzando così il tempo a disposizione per visitare Hakone.
Le cose da vedere ad Hakone sono molteplici e vi consiglio di organizzare la giornata in anticipo così da riuscire a sfruttare al meglio il tempo a disposizione. La soluzione ideale è fare un itinerario circolare da Hakone Yumoto, e potete decidere se fare il giro in senso antiorario (come ho fatto io) o orario. Se volete avere un po’ più di tempo a disposizione o semplicemente volete viaggiarte più comodi, potete pagare la tariffa aggiuntiva (1.100 yen a tratta) ed utilizzare il treno Odakyu Romancecar, sempre della compagnia Odakyu, che vi porterà direttamente ad Hakone Yumoto senza necessità di cambiare treno ad Odawara.

Ti può interessare anche: escursioni da Tokyo di una giornata

Treno Hakone Tozan

Da Odawara parte la linea ferroviaria Hakone Tozan il cui trenino nella sua seconda tratta (tra Hakone-Yumoto e Gora) si arrampica su per la montagna tra inversioni di marcia e punti di scambio (a parte nelle stazioni e in poche altre sezioni c’è un solo binario) in quella che è la ferrovia più ripida del Giappone. Per costruirla rispettando il naturale ambiente circostante, gli ingegneri hanno studiato i disegni del Trenino Rosso del Bernina (che tra l’altro è nella mia lista di cose da fare prima o poi!!) e dal 1979, a sessant’anni dalla costruzione, è stato siglato un gemellaggio proprio tra le due linee ferroviare e per questo motivo troverete ovunque poster del treno svizzero, oltre che alcuni carrozze rosse con la croce bianca!
Il tragitto su questo treno passa in mezzo ad una splendida natura e sopra alcune vallate mozzafiato, ma soprattutto è nella stagione delle pioggie, con la fiorutura delle ortensie, che si trasforma in qualcosa di ancora più magico! Nelle ore serali entrano in funzione anche due treni speciali dalle finestre più ampie che rallentano nei pressi delle ortensie illuminate…..Immaginate quindi la mia delusione e rabbia per essermele perse per via del caldo esagerato che ha fatto finire la stagione in anticipo….
Una volta arrivato a Gora, il treno si trasforma in una funicolare che sale ulteriormente sulla montagna per un dislivello di 214 metri ed una pendenza del 20%.

Hakone Ajisai Densha

Owakudani e le uova nere

Una vallata surreale, dalla quale si ergono nubi di fumo e dal prepotente odore di zolfo. Owakudani sognifica “grande valle ribollente” e si è formata in seguito ad una violenta eruzione ed ancora oggi è parte di un vulcano attivo, tanto che quando le concertazioni di gas emessi dal terreno superano un certo livello, l’accesso a Owakudani viene chiuso per questioni di sicurezza. Okawudani si raggiunge con una cabinovia che passa sopra la vallata, regalando una spettacolare vista aerea sul terreno arido costellato dai eruzioni gassose: un’emozione unica.
Dall’arrivo della funicolare a Souzan, si prende la cabinovia che passa sopra la vallata ed arriva ad Owakudani, dove avrete tutto il tempo di fermarvi per fare una pausa e mangiare le famigerate “kurotamago“, le uova cotte nell’acqua termale della valle, il cui guscio diventa nero per una reazione naturale. Pare che mangiare queste uova nere allunghi la vita di 7 anni.
Molto bene, 7 anni in più di tempo per viaggiare guadagnati.
Durante questa mia seconda visita, sapendo un minimo di giapponese, ho visto che si possono fare visite guidate nella zona, ci sono partenze 4 volte al giorno per massimo 30 persone. Non ho ben capito se van prenotate prima o se sono “chi prima arriva”, ma presumo che, vista la mancanza di informazioni al rigurardo in inglese, il tour sia interamente in Giapponese. Potrebbe succedere che se i fumi si intensificano diventando troppo tossici, l’accesso all’area di Owakudani venga interroto, verificate al centro informazioni di Hakone la situazione.

Hakone - Owakudani Valley

Nave pirata sul Lago Ashi

Sì, avete letto bene. Ad Hakone c’è una nave pirata che solca le acque del lago Ashi…..e no, non ho la minima idea del perchè abbia questo aspetto. Fatto sta che una volta scesi sempre con la cabinovia da Owakudani a Togendai (attenzione che qui circa a metà percorso potreste avvistare il Monte Fuji sulla destra!!), per raggiungere l’altra sponda del Lago Ashi e le aree di Hakone-Machi e Moto-Hakone, dovrete salpare su queste navi. Durante questa improbabile crociera da 30 minuti circa, godetevi la bellezza di questo lago vulcanico incastonato tra le montagne, dal quale con un po’ di fortuna, potrete scorgere il maestoso Monte Fuji proprio dal punto in cui siete salpati. Non serve prenotare il posto sulla nave pirata, ma tenete presente che le corse non sono frequenti ed è meglio verificare gli orari. Per la prua della nave è rischiesta una tariffa aggiuntiva, la cosidetta “prima classe”, ma personalmente ritengo non ne valga la pena…avrete una bellissima vista anche dal resto della nave!

Hakone Cruise Ship

L’antico Chekpoint sulla Tokaido

Scendete dalla nave pirata alla fermata di Hakone-machi e visitate l’Hakone Sekisho, un checkpoint della Tokaido ricostruito così come appariva nel periodo Edo. La Tokaido era una delle cinque grandi strade del Giappone feudale che collegavano Edo, dove risiedeva lo Shogun, al resto del Giappone. Lungo queste strade nacquero diversi villaggi, le stazioni di posta come Ouchijuku, dove i viandanti potevano fermarsi a riposare, ma nei pressi dell’antica Edo sorsero anche 53 check-point dove venivano controllate soprattutto “le armi che entravanoe le donne che uscivano”, in modo da garantire la sicurezza della sede dello Shogunato. All’Hakone Sekisho, oltre agli edifici, si trova anche un museo con diverse spiegazioni interesanti anche in inglese.
Il Checkpoint di Hakone è aperto dalle 9.00 alle 17.00 e l’ingresso costa 500yen.

Da qui potete poi percorrere un piccolo pezzo dell’antica Tokaido fino a Moto-Hakone, su in viale di cedri e parte di pavimentazione ancora originale. Se avete più tempo a disposizione, potreste poi proseguire oltre, spiego i dettagli più avanti nell’articolo.

Hakone Checkpoint

Santuario di Hakone e la porta Torii nel lago

A Moto Hakone vedrete un grande portale torii ergersi sulla strada: segna l’ingresso all’Hakone Jinja, il Santuario più importante della zona, particolarmente famoso per scattare la foto sotto il torii che esce dalle acque del lago Ashi.
Nel 2014, prima che questo scatto diventasse popolare su Instagram, visitare il Santuario di Hakone significava immergersi in un ambiente mistico: il rosso del santuario in contrasto con il verde brillante della foresta circostante e la pace ed il silenzio che permeano dal lago Ashi…sono riuscita a rivivere questa atmosfera recandomi alle 7 di mattina, perchè ormai c’è spesso una lunga fila per scattarsi la famosa foto. Comunque, a parte il punto vicino al lago che è generalmente affollato, una volta salite le scale verso il Santuario, torna a regnare la pace.

Onsen di Hakone-Yumoto

Da Moto-Hakone partono frequenti autobus sia per la stazione Kowakidani da dove riprendere il treno verso Hakone Yumoto, sia direttamente per Hakone Yumoto, dove concedersi qualche ora di relax immersi nelle acque termali prima di rientrare a Tokyo. Qui ci sono diversi onsen che offrono l’ingresso giornaliero senza necessità di pernottamento, ma credo che in tutti siano vietati i tatuaggi (se piccoli, possono essere coperti con gli appositi cerotti).
Il Kappa Tengoku è l’opzione più economica (800 yen), molto semplice ed un po’ datato ma con vasca all’aperto e accesso fino alle 22.00.
Se invece preferite un onsen in cui provare 5 diversi tipi di acque termali, potreste optare per lo Yu no Sato dell’hotel Okada, anch’esso aperto fino a tardi e con una navetta gratuita che parte ogni mezz’ora dalla stazione di Hakone Yumoto, ingresso 1.450 yen.

Leggi anche: Guida agli Onsen

Hakone Yumoto

Visitare Hakone in due giorni

La prima volta ho visitato Hakone con un’escursione giornaliera da Tokyo, mentre la seconda volta ci ho passato un weekend, godendomi con calma alcune delle altre attrattive che questa cittadina termale vicino a Tokyo ha da offrire.

Pernottare in un ryokan

Ad Hakone ci sono moltissimi ryokan, molti dei quali offrono anche onsen prvati utilizzabili anche da chi ha tatuaggi ed è quindi una destinazione ideale per chi vuole provare l’esperienza del ryokan giapponese facendo un itinerario classico.
Noi abbiamo soggiornato al Mikawaya Ryokan, uno splendido edificio con una storia di 140 anni, dove hanno soggiornato personaggi importanti come il pittore Takehisa Yumeji. C’è anche una piccola espozione della storia del ryokan e dall’altro lato della strada si trova il giardino Horai-en, con splendidi momiji autunnali e 30.000 azalee che fioriscono verso la fine di Aprile.
La posizione è ottimale: la fermata dell’autobus è proprio di fronte al Ryokan, a tre minuti a piedi dallo Yunessun (con accesso gratuito alla sua parte di onsen tradizionale) e circa 15 minuti dalla stazione di Owakidani. Anche l’Hakone Open Air Museum è raggiungibile con una breve passeggiata, così come la cascata Chisuji, dove nelle notti estive si possono vedere le lucciole!

Mikawaya Ryokan Hakone

Per chi vuole risparimiare ci sono comunque anche diverse guesthouse e stando nella zona di Hakone Yumoto c’è anche una discreta scelta di posti dove cenare. L’Hakone Free Pass vale per due giorni e include tutti i mezzi di trasporto nell’area, quindi non avrete ulteriori costi.


Booking.com

 

Musei di Hakone

Gli appassionati di arte troveranno ad Hakone una vasta scelta di musei tra cui scegliere, tutti inseriti in un piacevole contesto naturale, che aumenta quel senso di relax che ci si aspetta da una località come Hakone. Tutti i musei offrono degli sconti a chi ha l’Hakone Free Pass, quindi non scordate di mostrarlo alla biglietteria.
Io, non essendo un’appassionata di arte, ho visitato solamente l’Hakone Open Air Museum, che oltre ad essere il primo museo all’aperto del Giappone, ospita 120 installazioni di arte contemporanea disseminate in un bel parco ricco di fioriture e vari ambienti. Sicuramente l’attrazione principale è la Symphonic Sculpture, una torre cilindrica attraversata da una scla a chiocciola che vi darà l’impressione di essere all’interno di un caleidoscopio. La Picasso Hall raccoglie diverse opere del famoso pittore di cui avevo visto la famosa Guernica al Museo Reina Sofia di Madrid.
L’ingresso costa 1.600 yen (200 yen di sconto con il pass) ed è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 17.

Arte asiatica e ceramiche pregiate sono invece esibite all’Okada Museum of Art, dove si trova anche un giardino ed un onsen per i piedi, mentre il Pola Museum è una collezione d’arte privata. All’Hakone Glass no Mori si trovano invece opere in vetro di Murano. Infine segnalo il Gora Park, un giardino francese il cui ingresso è gratuito per i possessori dell’Hakone Free Pass, dove si possono anche fare diverse esperiene di artigianato e letteralmente crearsi il proprio souvenir. 

Hakone Open Air Museum

Percorrere l’antica Tokaido

Oltre al piccolo tratto (circa 15 minuti di cammino), tra l’Hakone Check Point e Moto-Hakone, si può percorrere l’antica strada Tokaido per un totale di 17 Km nell’area di Hakone, partendo da Hakone-Yumoto. La parte probabilmente più interessante è quella che va da Moto-Hakone fino a Hata-Juku, passando dalla Amazake Tea House. La strada ciotolata ben preservata passa attraverso il bosco, è abbastanza larga e facile da percorrere, soprattutto se fatta in direzione “verso Edo”, ovvero scendendo dal Lago Ashi verso Hakone Yumoto. Noi abbiamo fatto il tratto da Moto-Hakone alla Amazake Chaya, una casa da tè arrivata ai giorni nostri dal periodo Edo, dove gustare un delizioso amazake e dei Chikara-mochi per riprendere le energie. Con molta calma, facendo foto e video (e con ai piedi normali Converse) ci abbiamo messo circa 40 piacevoli minuti, incontrando praticamente solo un gruppo di allegri vecchini trekkisti.

Leggi Anche: Percorrere la Nakasendo tra Magome e Tsumago

Hakone Yunessun

Ad Hakone la scelta di onsen non manca di certo, ma se volete provare qualcosa di assolutamente particolare, beh lo Yunessun è il posto per voi! Oltre ad un parco acquatico con acqua termale, interessante soprattutto per i bambini, qui si trovano anche degli onsen molto particolari: si può infatti entrare in un onsen di vino, uno di caffè, uno di the verde e uno di sakè!! E soprattutto si entra in costume e non è diviso per sesso, permettendovi di godervi gli onsen in coppia. C’è anche una terrazza panoramica molto tranquilla, all’esterno e lontana dalla zona delle piscine (che sì, è piuttosto rumorosa essendo principalemte per i bambini) dove godersi la vista sulle montagne dalle calde acque termali.
La sezione Mori-no-yu è invece un classico onsen diviso per genere in cui si entra nudi. Ci sono diverse vasche sia interne che esterne ben immerse nel contesto naturale.

Per chi ha tatuaggi, si può accedere all’area delle piscine con costumi che li coprano (noleggiabili all’ingresso….e tranquilli i giapponesi spesso hanno costumi con maniche e pantaloni lunghi, nessuno vi prenderà per pazzi, anzi!), mentre l’accesso alla sezione classica è consentito solo per le vasche private.
Il sito ufficiale è ricco di informazioni anche in inglese comunque, fate riferimento a quello anche per eventuali sconti e promozioni.

Wine horspring at Hakone Yunessun

Come arrivare e muoversi ad Hakone

Per muoversi nell’area di Hakone consiglio assolutamente di fare l’Hakone Free Pass, che vi permette di usare tutti i mezzi (bus, treno Hakone Tozan e funicolare, nave pirata e funivia per Owakudani). Ha durata di due o tre giorni e lo potete acquistare anche in formato digitale direttamente dal vostro smartphone su questo sito.
Se visitate Hakone da Tokyo, prendete il pass da Shinjuku al costo di 6.100 yen, in modo da avere incluso anche il tragitto con i treni della Odakyu tra Shinjuku ed Odawara.
Se invece avete già il Japan Rail Pass o Hakone è una tappa intermedia tra Tokyo ed un altra destinazione, consiglio di fare l’Hakone free pass da Odawara che costa 5.000 yen ed include comunque tutti i mezzi ad Hakone, ma non la tratta Odawara/Tokyo (per la quale potete prendere lo Shinkansen se avte il JR Pass o la tratta singola con i treni della Odakyu).

Per il mio secondo viaggio, il pass mi è stato offerto dalla compagnia, ma ve lo consiglio assolutamente perchè anche perla prima volta ad Hakone lo avevo acquistato proprio perchè estremamente conveniente! La Odakyu offre anche altri pass molto convenienti, come l’EnoPass per visitare Enoshima, li trovate tutti indicati sul sito della compagnia.

Guarda il video YouTube per vedere il treno delle ortensie!

Ti è piaciuto l’articolo e lo hai trovato utile? Offrimi un caffè!
E se hai bisogno di aiuto per il tuo viaggio in Giappone, richiedi il road book personalizzato.